airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Tik Tok: un nuovo social per i brand?

Tik Tok un nuovo social per i brand?

Tik Tok: un nuovo social per i brand?

 

Photo credit: XanderSt / Shutterstock.com

Dopo SnapChat e le stories di Facebook ed Instagram, arriva l’app il cui sogno è affermarsi come regina dei video. In pochi mesi, Tik Tok ha visto la sua popolarità raggiungere livelli tanto elevati da scalzare persino Instagram dalla classifica delle applicazioni più scaricate. Ma di cosa stiamo parlando e, soprattutto, cosa si può fare con Tik Tok? Può fare al caso dei brand che intendono pubblicizzare i propri articoli? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Da dove viene e cosa si può fare con Tik Tok?

Tik Tok nasce dalla fusione tra la piattaforma cinese Musical.ly e un esperimento famoso in Indonesia e già conosciuto con il nome Tik Tok. Nel 2018, l’azienda cinese BytheDance ha rilevato entrambe le realtà, fondendole insieme. In Europa non tutti conoscono questa piattaforma, ma per farsi un’idea dei servizi offerti basta accedervi e navigarvi per pochi minuti: in sostanza, ogni utente è libero di condividere le proprie creazioni o semplici momenti della giornata mediante brevi video.

Per farla breve, si tratta di un social network con cui registrare, editare e condividere video brevi, compresi tra i 15 e i 30 secondi. È possibile applicare effetti, filtri, transizioni e tanto altro. Ma non finisce qui. Relativamente al capitolo musica, Tik Tok è compatibile con Apple Music, attraverso cui aggiungere, salvare e remixare brani. Come per la maggior parte dei social, è possibile lasciare like e interagire con gli altri utenti iscritti alla piattaforma.

Ma quali sono gli utenti tipo che è possibile incontrare su Tik Tok? Secondo le statistiche, gli utilizzatori sono giovanissimi e adolescenti (il 35% dell’utenza appartiene alla fascia d’età compresa tra i 13 e i 15 anni). Tuttavia, non mancano adulti (il 10% del pubblico totale) e personaggi famosi (tra cui lo chef Barbieri autore di video divertentissimi).

Usare Tik Tok per il proprio brand: è possibile?

Tik Tok può tessere utile anche per la promozione online? E se sì, in che modo? Non sono poche le aziende che hanno già cominciato ad utilizzare il social per migliorare la comunicazione online e i risultati non sono affatto negativi. Tuttavia, è importante non dimenticare chi usa il social e perché lo fa. Come abbiamo constatato, la piattaforma è frequentata soprattutto da adolescenti.

Se il target aziendale dovesse essere questo, allora Tik Tok potrebbe rivelarsi una buona soluzione per veicolare le proprie campagne di marketing. Finora, Tik Tok si è mostrato il posto ideale per sbizzarrire la propria creatività attraverso video suggestivi o divertenti. Alcune aziende sono riuscite a renderli virali aggiungendo loro una “Challenge”, ovvero sfidando i propri utenti su un tema qualsiasi. Qualche esempio? Guess ha lanciato l’hashtag #inmydenim, attraverso cui invita i propri utenti a filmarsi con indosso i jeans della nuova collezione. L’iniziativa ha riscosso talmente tanto successo che anche McDonald’s ha deciso di lanciarne una simile. Interessanti anche i duetti, che costituiscono un elemento fondamentale dell’esperienza utente. In sostanza, gli iscritti possono citare il video di un altro utente all’interno del proprio, dando inizio a una catena o a un dissing. Insomma, Tik Tok è un social da tenere d’occhio e probabilmente non passerà molto tempo prima che entri a far parte a pieno titolo delle piattaforme che un social media manager deve conoscere.

Share