airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

La strategia di web marketing deve essere un percorso

La strategia di web marketing deve essere un percorso

Ogni strategia di web marketing consiste in un vero e proprio percorso, formato da tanti step diversi ma consequenziali. Per emergere ed aumentare i propri lead è necessario far breccia nel cuore dei potenziali clienti, intessere con loro un rapporto basato sulla fiducia, indurli ad acquistare servizi e prodotti, curare la comunicazione tramite social media e blog, migliorare la visibilità del sito, aumentare la consapevolezza del marchio in rete (brand awareness), monitorare con costanza i risultati ottenuti attraverso i vari canali impiegati, servizi che solo una agenzia web marketing vi può garantire.

Un percorso lungo e tortuoso, che richiede tanto impegno ed altrettante scelte oculate. Ma iniziamo dal principio e vediamo passo dopo passo come sviluppare una strategia di web marketing che garantisca buoni risultati.

Cos’è una strategia di web marketing?

Il marketing online è un insieme di azioni utili a raggiungere determinati obiettivi nel breve, medio e lungo periodo. Naturalmente, in base al proprio volume d’affari e settore di riferimento, un piano strategico può includere azioni differenti. Tuttavia, è importante rifarsi sempre ad uno schema ben definito, che racchiuda tutti gli step necessari ad ottenere quanto desiderato. Il primo passaggio è definire i propri buyers ideali.

Leggi anche: fare un piano marketing: buyer personas

La priorità alla base di ogni attività di marketing è targetizzare il proprio pubblico di riferimento, in modo da modellare l’offerta in relazione alle preferenze e alle esigenze dell’utenza.

Leggi anche: perché è importante profilare i clienti

Per interrogare i propri clienti fidelizzati e potenziali esistono diversi strumenti, quali form, email e sondaggi online. Dopo aver capito a chi indirizzare la propria offerta, sarà il caso di identificare gli obiettivi di business e gli strumenti di marketing necessari per raggiungerli.

Leggi anche: come si fa una strategia di comunicazione

Valutare gli strumenti digitali e i canali più efficaci

Quando arriva il momento di considerare i canali da includere nella propria strategia di web marketing, è opportuno procedere esaminando i risultati conseguiti dalle risorse già in uso, quindi implementarne di nuove, allo scopo di migliorare la cassa di risonanza delle proprie azioni digitali. Tra gli strumenti da usare figurano: gli Owned Media, ovvero i canali di proprietà del brand, quali il sito internet, eventuali pagine e profili social e i blog connessi al sito principale; gli Earned Media, ovvero le risorse concesse dal passaparola o dall’esposizione mediatica su mezzi di informazione altrui (in sostanza si tratta del riconoscimento ottenuto mediante i contenuti pubblicati su siti differenti dal proprio e le esperienze positive testimoniate dai clienti e dalla stampa); i Paid Media, ossia le pubblicità tese a migliorare il traffico organico sul sito aziendale (tra queste gli annunci a pagamento offerti da Google Ads).

Leggi anche: digital marketing: pay per click

Analizzare i risultati ottenuti

Una delle azioni più proficue in assoluto, utili a rendere più efficace una strategia di web marketing, è l’analisi dei contenuti pubblicati in passato: la scelta migliore è analizzare i risultati ottenuti dai post già pubblicati ed individuare i contenuti che hanno saputo attirare il maggior numero di lead. In base a quanto osservato, sarà possibile riprogrammare la pubblicazione dei nuovi contenuti, che dovranno essere rielaborati e dotati di un maggior numero di informazioni compatibili con il profilo del proprio utente tipo.

Leggi anche: fare un piano editoriale per il web

Sarà il caso, inoltre, di ottimizzare i cosiddetti paid media. In che modo? Monitorando l’andamento delle attività a pagamento attraverso il ROI (Return of Investment, ovvero l’indice di redditività del capitale investito), in modo da perfezionare l’approccio e tagliare definitivamente le attività che non generano i risultati attesi.

Share