airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Gli imprenditori più visionari degli ultimi anni

Gli imprenditori più visionari degli ultimi anni

Gli imprenditori più visionari degli ultimi anni

Spesso sconosciuti al grande pubblico perché troppo impegnati a perseguire le loro idee, che forse potrebbero apparire soltanto utopie, gli imprenditori più visionari degli ultimi anni in realtà hanno dato un grande contributo alla nostra società.

James Lu (Helix)

Da sempre la genetica viene considerata la scienza del futuro dato che tramite l’analisi di geni e cromosomi è possibile avere una visione completa degli individui.
La app Helix, oggetto di studio per James Lu, è in grado di analizzare le componenti microscopiche individuali, proprio là dove sono contenute le principali informazioni di ogni persona.
Basandosi su ricerche scientifiche del genoma, lo studioso è convinto di poter scoprire i potenziali rischi di contrarre malattie, le singole preferenze in ambito gastronomico in rapporto al profilo metabolico e anche i desideri finalizzati alle differenti scelte esistenziali.
Questo progetto è stato subito preso in carico da Illumina, una delle più grandi industrie che si interessano di sequenziatori di DNA, una molecola dove sono contenute tutte le informazioni sul patrimonio genetico degli individui.

Kait Schoeck (Microsoft)

Spinta da un costante desiderio di contrastare l’inarrestabile ascesa di Apple, l’industria Microsoft è progressivamente rimasta coinvolta dalle intuizioni di Kait Schoeck, un designer in grado di mettere in crisi le fondamenta del gigante tecnologico, detentore del potere quasi assoluto nel settore informatico.
Grazie alle intuizioni di Schoeck, è nato il progetto Surface, il cui scopo è quello di sostituire nel tempo il tradizionale PC con dispositivi maggiormente innovativi, più leggeri e meglio adattabili alla mobilità.

Lily Peng (Google Brain)

L’intelligenza artificiale ideata da Google, che fece la sua comparsa nel 2012, viene attualmente sfruttata anche per riconoscere la retinopatia diabetica nelle sue fasi iniziali.
Si tratta di una patologia responsabile della cecità in un sempre maggior numero di pazienti che viene diagnosticata in base all’individuazione di piccole emorragie del microcircolo retinico.
I laboratori di Google Brain, che stanno analizzando i fattori predisponenti responsabili di questo grave disturbo, hanno accolto con grande interesse le intuizioni dell’imprenditrice Lily Peng.

Will Marshall (Planet)

Grazie alla presenza di una serie di satelliti lanciati in orbita intorno alla Terra, in grado di fotografarla in maniera completa e non settoriale come accaduto fino ad ora, è possibile avere una visione globale del nostro pianeta.
Le conseguenze sono facilmente ipotizzabili in quanto le reali condizioni geologiche del Mondo possono offrire l’opportunità di prevedere con adeguato anticipo il verificarsi di eventuali catastrofi naturali.
Il progetto Planet, di cui fa parte Will Marshall, si pone l’ambizioso obiettivo di riprendere la Terra in ogni momento, per evitare disastri e calamità anche di notevole impatto.

Manu Prakash (Foldscope Instruments)

Vivendo direttamente la tragica realtà delle condizioni igienico-sanitarie dell’India, dove anche le più sofisticate tecnologie non riescono a salvare le vite umane, il bioingegnere Manu Prakash ha progettato un microscopio estremamente semplice, i cui costi sono minimi, ma le cui prestazioni appaiono ideali per certi contesti.
Leggeri, economici, facilmente trasportabili e molto performanti, questi dispositivi prodotti da Foldscope Instruments si stanno diffondendo poiché sono in grado di garantire requisiti funzionali rispondenti a elevati standard qualitativi.

 

Share