Al bando gli influencer e benvenuti nano influencer, potrebbe essere la frase per riassumere il nuovo fenomeno che sta riscuotendo sempre più successo tra gli esperti di marketing digitale. Se avevate appena compreso l’utilità degli influencer, ecco spuntare i nano influencer che promettono di spodestare il ruolo dei primi e imporsi come i soggetti preferiti delle aziende che desiderano farsi pubblicità online.

I nano influencer: la rivincita dell’uomo comune

Come suggerisce il nome, i nano influencer sono dei piccolissimi influencer che hanno un bacino di follower che non supera le 10.000 unità. Un nano influencer è una persona normale che pur avendo un seguito limitato è in grado di orientare le scelte di acquisto di altri soggetti.

Il nano influencer si distingue dal macro influencer per diversi aspetti:
– ha un seguito di follower “scelti”;
– si rivolge ad un pubblico di nicchia;
– ha un rapporto diretto con il suo seguito;
– è disponibile e fornisce informazioni.

Leggendo le caratteristiche che contraddistinguono il nano influencer, vi basterà raffrontarlo con un noto influencer come Chiara Ferragni, per capire le potenzialità di questi nuovi influencer. Gli influencer sono ormai diventate celebrità e anche se decidono di sponsorizzare un prodotto, solo il 2% dei loro follower procede all’interazione, mentre se ad esempio un nano influencer consiglia ai propri follower una borsa, si stima che il 9% richiederà informazioni o cliccherà sul sito del prodotto in vendita. La rivincita dei nano influencer è dovuta soprattutto alla mancanza di un rapporto diretto tra macro influencer e follower, difatti se state guardando una foto di un bikini indossato da Kendall Jenner di certo non vi risponderà con un direct message per dirvi dove comprarlo, invece chi ha un seguito di poche persone tende a coltivare questi rapporti e ad essere sempre preciso, puntuale e attento alle richieste.

Il potenziale dei nano influencer e come utilizzarli

Dopo aver compreso chi sono i nano influencer e come si differenziano dai macro influencer, vediamo come le aziende possono utilizzarli per promuovere i loro beni o servizi. Innanzitutto, un nano influencer si rivolge solitamente ad un pubblico ben identificato, un target specifico che si fida dei suoi consigli e che ha dimostrato competenza in quello specifico campo. Ad esempio, un nano influencer appassionato di accessori vintage, conosce i brand e le caratteristiche specifiche di questi prodotti, quindi un’azienda che opera in questo campo rivolgendosi a lui, avrà la sicurezza di trovare un fan che pubblicizzerà con naturalezza e genuinità i prodotti proposti. I macro influencer per una sponsorizzazione richiedono compensi molto elevati, mentre un nano influencer sarà ben contento di sponsorizzare qualcosa che a lui piace e comunque non pretenderà cifre improponibili. Visto il rapporto diretto dei nano influencer con i propri follower, sarà molto più semplice dare la possibilità al suo seguito di informarsi direttamente su uno specifico prodotto pubblicizzato. Il legame che si crea tra gruppi ristretti si basa sulla reciproca fiducia e sulla volontà di condividere interessi comuni, quindi le aziende che operano in mercati di nicchia avranno più possibilità di coinvolgere o attirare potenziali clienti che sono già interessati ai vostri prodotti.
Il nano influencer, a differenza dei più noti influencer, non sponsorizza qualsiasi tipo di prodotti, ma soltanto quelli che sono in linea con il suo progetto o con i suoi interessi. Ritornando all’esempio dell’appassionato di accessori vintage, sicuramente questi non consiglierà ai suoi follower una lampada touch ultramoderna, per non scontentare o perdere il suo seguito ma proporrà solo oggetti che ritiene adatti allo stile della sua pagina. Se state pensando di contattare o utilizzare un nano influencer, vi segnaliamo anche un altro vantaggio rispetto ai tradizionali influencer: è molto più semplice contattarli e creare un rapporto diretto e professionale, visto che non vi sono intermediari.

I nano influencer: chi sono e come utilizzarli ultima modifica: 2019-05-02T09:56:41+00:00 da Andrea Salis
Andrea Salis

Andrea Salis

Andrea, appassionato di comunicazione e web marketing, specializzato in SEO, social media e content marketing. Ha un’esperienza ventennale in ambito della comunicazione e delle strategie web.