airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Falsi miti del web marketing

Falsi miti del web marketing

Ottenere visibilità su Google e, dunque, successo su Internet è l’obiettivo primario di tutte le aziende che scelgono di immergersi nel vasto e sconfinato oceano del web. E per farlo spesso cadono vittime delle sedicenti guide sul fai da te, oppure dei seducenti slogan pubblicitari di aziende SEO abbastanza improvvisate. Perché accade tutto ciò? Perché l’azienda che non è abituata ad aver a che fare con la rete, si guarda un po’ in giro e dice: ‘Beh, se ce l’hanno fatta in cinquantamila, perché non posso farcela io?’. La realtà è decisamente un’altra considerando che, come cantava Gianni Morandi, solo uno su mille ce la fa. E chi ce la fa, statene certi, ha avuto l’accortezza di non cadere nei falsi miti del web marketing.

Io ti assicuro la prima posizione su Google

Quante agenzie SEO cercano di catturare l’attenzione degli sprovveduti promettendo le prime posizioni sulla SERP di Google? Forse adesso stanno cadendo una ad una, ma qualcuna resiste celandosi dietro uno dei più esilaranti falsi miti del web marketing. È impossibile garantire la prima o le prime posizioni sulle pagine dei risultati di ricerca, semplicemente perché la SERP non è una. Google non è rimasto ancorato agli anni 2000 e, nel mentre che la rete cresceva ed esplodeva la mania degli Smartphone, ha aggiornato gli algoritmi che stabiliscono il posizionamento sulla SERP. Anzi, sulle SERP. Sì, perché gli utenti che navigano da cellulare, o che ad esempio si trovano a Milano, o a Parigi, visualizzano SERP differenti da chi naviga col Pc, o si trova a Napoli, o a Bordeaux.

i falsi miti del web marketing

Uno dei falsi miti del web marketing è quello che ti assicura la prima posizione nella serp di Google. Photo credit @ MK photograp55 / Shutterstock.com

 

All you need is keyword

I falsi miti del web marketing più duri e resistenti sono quelli riguardanti le keyword: c’è chi continua a pensare che basti introdurre le giuste keyword nei contenuti testuali per far schizzare il sito in cima alle posizioni di Google. Errato: le keyword sono importanti, ma sono solo uno dei tanti elementi che gli algoritmi di Big G analizzano quando si tratta di assegnare un ranking al sito. Trasformare un articolo in una sorta di lista robotica e impersonale ripiena di keyword, non solo sarà del tutto inutile ai fini del posizionamento ma potrebbe anche causare un danno, dato che nessuno al mondo sarà mai interessato a leggerli. Uno dei peggiori falsi miti del web marketing.

Straziami, ma di tag saziami

Si tratta di uno dei falsi miti del web marketing più antichi e per questo affascinanti. Sarà perché il codice HTML rappresenta per molti un mondo oscuro e, per questo, ricco di segreti, trucchi e magie. Ma non è così: i tag header delle pagine web non hanno e non avranno mai il potere di far scalare la SERP più velocemente. Forse era così agli albori, ma oggi utilizzare i vari tag (compresi i famigerati H1, H2, H3) serve solo per dare un ordine ed un senso visuale e strutturale alla pagina, e non per favorire più di tanto il piazzamento sulla SERP dei motori di ricerca.

Le dimensioni contano?

Un altro dei falsi miti del web marketing più discussi riguarda la dimensione dei testi: c’è chi pensa che un testo di 250 parole venga favorito da Google perché più breve e più facilmente fruibile da Smartphone, e chi invece crede che testi di 600+ parole vengano spinti più in alto degli altri perché più impegnati e più approfonditi. Falso in entrambi i casi: un testo dev’essere lungo quanto richiede l’argomento. L’importante è che sia originale e interessante per gli utenti.

Share