airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Strategie social: creare una community

creare una community

Strategie social: creare una community

Nell’ambito del web marketing, sapere come creare una community può fare davvero la differenza per un brand, desideroso di comunicare al meglio con la sua base di fan e con i clienti.

Creazione di una community sui social network

A cosa serve creare una community sui social network? Le comunità virtuali costituiscono al giorno d’oggi una soluzione ampiamente utilizzata in ambito aziendale, per promuovere al meglio i prodotti e i servizi che rappresentano il loro core business, oltre che le novità di mercato. Il motivo? Trattasi di un passaporto di sicuro successo che consente di ottenere feedback dagli iscritti in real time. Nel momento in cui una community incontra i social network, la community diventa di tipo social. Sfruttare le potenzialità di Facebook, di Instagram e di Twitter aumenta il bacino di riferimento in materia di circolazione delle informazioni. Occorre, però, prestare massima attenzione ai contenuti che circolano sui social network, affinché l’immagine della propria attività non ne risenta in negativo. Per questo motivo, figure specialistiche, come ad esempio i community manager, ricoprono un ruolo importantissimo nella gestione della comunicazione della comunità virtuale, orientata ai social network.

Come si creano le conversazioni sui social

Non c’è dubbio che gli hashtag, oggigiorno, ricoprano un ruolo cardine per creare engagement. L’importanza di controllare in modo approfondito le ricerche e soprattutto le tendenze degli utenti su Twitter, su Facebook e su Instagram, consente di scegliere quelli maggiormente in linea con l’attività ed il business di riferimento. In questo modo, si ha maggiore visibilità. Su Instagram, poi, oltre agli hashtag, è opportuno dare la giusta importanza anche alla componente grafica, oltre che alla parte editoriale.

Ogni social ha le sue regole: in quest’ottica la scelta della piattaforma e la modalità di comunicazione non vanno prese alla leggera. C’è bisogno prima di tutto di verificare a chi realmente si desidera comunicare. E per centrare quest’obiettivo, un lavoro di analisi, svolto in modo certosino, alla fine paga sempre, perché da un lato definisce al meglio chi sono effettivamente gli interlocutori dell’impresa, mentre dall’altro aiuta nella scelta di un canale social piuttosto che di un altro.

Ecco, pertanto, alcune dritte da tenere seriamente in considerazione in riferimento alla creazione di una community.

Definizione a monte di obiettivi e strategie

Come per qualsiasi progetto online, anche in relazione a come creare una community, la definizione degli obiettivi diventa imprescindibile ai fini del progetto da sviluppare. Solo dopo aver individuato gli obiettivi, è possibile pianificare una strategia che tenga conto di una soglia di tempo ben precisa. In genere, si ricorre al funnel di marketing, il cui scopo primario consiste nello stabilire tutta una serie di operazioni da portare a termine, in relazione alla posizione dei fan o dei clienti rispetto al marchio: notorietà, interesse, desiderio ed azione.

Qual è la natura della community?

La community deve essere interna o esterna? Nel primo caso, ad essere coinvolti saranno i collaboratori interni ed i dipendenti; nel secondo caso, ampiamente più diffuso, sono coinvolti clienti, fan e ogni partner della realtà imprenditoriale di riferimento.

Solo dopo aver definito la reale natura della community, diventa fattibile selezionare i migliori canali, sviluppare la piattaforma giusta, definire la migliore governance possibile. Da questo punto, verranno messe nero su bianco anche policy e netiquette.

Per ciò che concerne la governance, bisogna far riferimento agli strumenti che regolamentano la vita della community. Fra questi la netiquette, vale a dire l’insieme delle regole che definiscono ciò che si può fare e quello che è vietato, è di certo lo strumento più importante. Quando la si definisce, ad essere coinvolti in prima persona, è di sicuro il community manager. Lo stesso dicasi per i diversi reparti aziendali.

La netiquette va inserita sempre in un documento che deve essere di facile accesso per tutti i membri della community, in quanto tutti devono essere informati in tempo circa le norme in corso. Se si suole dire che sono proprio le norme che regolamentano la community a definirne lo stato di salute, beh c’è più di un motivo.

Team e ruoli

Se la community inizia a registrare un discreto successo e ad aumentare il numero degli iscritti, si richiedono profili e competenze specifiche. Le figure del community manager, del content creator, del social advertiser, del creativo, dell’analista e del graphic designer diventano fondamentali.

Con idee creative, il coinvolgimento degli utenti viene fuori

Usare in maniera sapiente le conversazioni sui social, vuol dire di fatto rendere la community particolarmente attiva. Occorre progettare contenuti coinvolgenti ed innovativi, affinché i membri della community, che siano fan o clienti, risultino quanto più coinvolti possibile.

Alla creatività va dato il merito di poter mettere a punto idee efficaci, oggigiorno di sicuro cruciali per sviluppare al meglio le community, così come i progetti online. Poter, inoltre, contare su membri della community, in grado di fornire spunti creativi, costituisce un valore aggiunto tutt’altro che indifferente. Il motivo? Ascoltare i feedback, per poi trasformarli in iniziative utili.

In definitiva, tirando le somme, molti brand sono nati dalla capacità delle aziende che hanno creato community di successo. Le persone coinvolte, talvolta, hanno saputo apprezzare gli interessi, mentre in altre occasioni l’autenticità dei valori o l’originalità delle passioni. Più membri vengono coinvolti in una community, tanto più il successo sarà assicurato.

Share