airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Chi ha paura del deep web

Chi ha paura del deep web

Ultimamente si sente spesso parlare in tv e su internet del cosiddetto deep web, conosciuto anche come il lato oscuro della rete. Al suo interno è possibile trovare siti e pagine web che solitamente non risultano accessibili sfruttando i normali canali di comunicazione. Molti ne parlano come di un posto segreto, dove dominano l’illegalità e l’immoralità, privo di regole e controlli. Non a caso spesso si utilizza la metafora dell’icerberg per descrivere questo mondo sotterraneo, dove la punta rappresenta il web cosi come lo conosciamo tutti mentre negli abissi si celerebbe una realtà alternativa misteriosa. Ma cos’è davvero il deep web e come è possibile accedervi?

Che cos’è il deep web

Viene definito deep web, tutto il materiale presente sulla rete che non è indicizzato attraverso i normali motori di ricerca, come Google. Per questo motivo, per poter visionare i suoi contenuti, è necessario utilizzare strumenti alternativi a quelli più comuni. Secondo alcuni dati circolanti su internet, nel deep web sarebbe presente oltre il 90% dei contenuti esistenti sulla rete mentre il surfweb, quello tradizionale per intenderci, rappresenterebbe solo una minuscola percentuale di ciò che realmente contiene internet. Queste prospettive risultano molto allettanti per gli utenti curiosi, attratti da questa realtà parallela e ancora inesplorata. Tuttavia visitarla senza prendere delle precauzioni, può risultare molto pericoloso ed esporre a dei rischi.

Perché fa paura il deep web

deep web

Il deep web, la parte sommersa della rete può essere molto insidioso

 

La maggior parte dei siti presenti sul deep web sono finalizzati alla condivisioni di informazioni e materiale audio, foto e video di ogni genere. Essendo privo di ogni controllo e censure, il deep web è spesso il luogo dove si concretizzano attività illegali come il commercio di droga, il traffico di dati sensibili e la diffusione di materiale pedopornografico. Molti organizzazioni terroristiche e delinquenti di ogni specie si aggirano nei meandri della rete. Per questa ragione accedervi può risultare pericoloso, soprattutto se non si hanno conoscenze informatiche adeguate che consentano di navigare in modo sicuro, senza permettere a dei farabutti di rubare i propri dati e documenti. Può essere una realtà molto pericolosa se si è alle prime armi, oltre ad un vasto numero di virus che è possibile prendere, si rischia di vedere infiltrati hacker sul proprio pc ed essere spiati. Infine navigare su siti dove si effettuano compravendite illegali equivale a commettere un reato ed è dunque perseguibile per legge.

Come accedere al deep web

Per accedere ai contenuti del deep web è necessario usare un browser ad hoc, come ad esempio il famoso TOR (The Onion Router). Quest’ultimo permette di navigare negli abissi della rete in completo anonimato e individuare le pagine custodite al suo interno. Non essendo indicizzate, per trovarle è necessario conoscere l’indirizzo esatto e digitarlo sulla barra apposita. Esistono alcune pagine come Hidden Wiki dove gli utenti raccolgono tutti gli indirizzi del lato oscuro del web. I siti del deep web sono caratterizzati dal suffisso .onion e vengono ospitati sui computer dei loro creatori, sfruttando la logica peer to peer, in questo modo pur eliminando il server oppure chiudendo la pagina web, il contenuto non viene cancellato mai del tutto.

Share