airlogo

AIR Communication Srl si occupa di Comunicazione Integrata e si rivolge a medie e grandi aziende nazionali e internazionali. AIR Communication è in grado di offrire una consulenza completa e personalizzata, fondata sulla capacità di ascoltare, interpretare e tradurre in strategie, servizi e prodotti mirati le esigenze, gli obiettivi di business e i valori del cliente.

+39 06 83709819

Via Aurelia 547 - 00165 Roma

 

Chat bot. Odio o amore?

Chat bot. Odio o amore?

Una chat bot, anche detta chatterbot, è un’entità artificiale di conversazione, un programma che permette una conversazione simulata, sia tramite testo che tramite voce, facendo credere all’utente che stia parlando con una persona vera. Più sofisticata sarà la chat bot più facile risulterà l’inganno. Il loro utilizzo è in forte crescita nel business, nel marketing e nell’assistenza alla vendita online. Si tratta di un’intelligenza artificiale alla quale si possono rivolgere domande o osservazioni che sarà in grado di decifrare elaborando una risposta adeguata. Vengono usate un po’ ovunque, nei siti internet delle aziende, nelle app, nei siti di appuntamenti e persino nei giocattoli per bambini. Sono il futuro, o meglio, il presente, quindi chiunque abbia a che fare con il marketing online le deve prendere in considerazione, che gli piaccia o meno.

La prima domanda è: funzionano davvero?

Dovendo rispondere con un sì o con un no possiamo dire tranquillamente che sì, funzionano. Questa relativamente nuova tecnologia va pian piano a sostituire il lavoro che un tempo veniva fatto dagli operatori telefonici. In grosse aziende come Renault i vecchi call center sono già stati sostituiti in larga parte da questi programmi. Nell’ambito dell’e-commerce, ad esempio, una chat bot può rispondere a semplici domande poste dagli utenti. Ne esistono di vario genere, le chat box “stateless” che trattano ogni conversazione come si trattasse di un nuovo utente, e le chat box “stateful”, in grado di ricordare le precedenti conversazioni. Essendo un’intelligenza artificiale usa la tecnologia del linguaggio naturale e del deep learning, più persone le utilizzano e più il riconoscimento vocale e la precisione di risposta aumentano.

Le chat bot per le aziende: i vantaggi

Oltre alle grandi aziende l’uso delle chatterbot si sta diffondendo sempre più anche alle medie e piccole imprese. Per integrarle ai sistemi di marketing digitale già in uso è necessaria una minima conoscenza di codificazione anche se le API per creare chat bot non sono così complicate da usare. Le domande e le risposte verranno prefissate al momento della creazione. I vantaggi più evidenti nel mondo del marketing online sono principalmente due: vi faranno risparmiare moltissimo tempo evitando di dover rispondere a domande ricorrenti e soprattutto il tasso di risposta degli utenti è molto più elevato rispetto, ad esempio, alle vecchie mailing list.
SEO, la strategia utilizzata da qualunque sito internet, dovrà adattarsi a questo cambiamento, per le chatbot si sta sviluppando un nuovo strumento, la Chat App Optimization.

Le chat bot nel mondo dei Social Network

Ma è una tecnologia diffusissima anche nel mondo dei social, WeChat (corrispondete cinese di WhatsApp) ha iniziato ad usarle nel 2013, mentre nel 2016 Facebook Messenger ha permesso agli sviluppatori di inserire chatter bot nelle loro piattaforme e, nel giro di 6 mesi, sono state create 30.000 bots. In questo caso sono chiamati social bot e servono a generare messaggi o campagne.

Critiche e difetti

Per quanto siano uno strumento utilissimo per il marketing online, godono anche di un folto numero di detrattori e critiche. Ad esempio la massiccia influenza dei trends, le chat bot sparano illimitati messaggi dal contenuto simile ma con frasi leggermente diverse o, ancora, avere molti fake followers (bots) rende difficile capire se il successo sui social é reale o meno.

Altro lato negativo è che vengono spesso utilizzate per riempire gruppi chat di spam e advertisement, si comportano come persone in carne ed ossa ingannando gli utenti e, a volte, entrando in possesso di informazioni personali.

Share